Perché è remunerativo Investire in Bambù Gigante

o partecipare in condivisione alla costituzione di un Bambuseto ONLYMOSO

ff22

D: Perché investire in mercati Innovativi quale il Bambù Gigante?
R: Suggeriamo di investire in una piantagione di bambù solo ed esclusivamente se si crede che i prodotti derivanti dalla piantagione: germogli, canne, foglie di bambù e rizomi avranno un grande mercato nella futura società europea e mondiale. Se si ha qualche dubbio a riguardo è meglio aspettare qualche anno e vedere quello che a breve succederà.Imprenditorialmente parlando si può appartenere alla categoria di chi Realizza o per i più timorosi , di chi Aspetta che le cose accadano e dopo intervenire

D: Quanto è alto il rischio imprenditoriale per un imprenditore che investe in Bambù?
R: Oggettivamente (dati e numeri alla mano) il rischio è nullo. Mentre le possibilità di ottenere un buon profitto avviandosi tra i primi sono altissime. La quantità di utilizzazioni e di prodotti preziosi da cui deriva il nome di MINIERA VERDE , che si ricavano da una piantagione di bambù è così ampia da annullare il normale rischio imprenditoriale. Dati alla mano , se solo si utilizzasse il prodotto culmo proveniente da 1 ettaro , per cippato , pellet o biomassa , il Business Plan fornirebbe dei numeri che la migliore produzione agricola , oggi in commercio , non avvicina minimamente.

D: Perché questi prodotti dovrebbero avere un grande mercato?
R: Uno dei mercati di maggior sviluppo degli ultimi 20 anni è quello della Green economy , in cui trova spazio agevolmente questa coltura. I derivati sono in linea con le esigenze della moderna società, che richiede un’alimentazione sempre più sana e materiale di qualità proveniente da piantagioni rinnovabili ed ecologiche, per realizzare i propri prodotti. (Inoltre con il legname di Bambù si realizza quasi tutto quello di cui l’uomo necessita; carta, filati, prodotti strutturali e di rivestimento, energia ecc.)con qualità spesso superiori alle realizzazioni effettuate con legno tradizionale o a noi più conosciuto.

come-investire-40000-euro

D: Ma chi comprerà la materia prima prodotta dalle coltivazioni degli Italiani?
R: Chiunque (il mercato ha una richiesta centinaia di volte superiore all’offerta) imprenditori, italiani e internazionali, che riconoscono nei prodotti del Bambú un valore aggiunto apprezzato da milioni di consumatori, e che desiderano realizzare profitti dalla commercializzazione, lavorazione e trasformazione dei prodotti dei bambuseti.E’ in atto una grande trasformazione di aziende che stanno riconvertendo le loro trasformazioni e di conseguenza i macchinari per le lavorazioni

D: Chi contatterà questi commercianti e imprenditori?
R: È compito del Consorzio Bambù Italia intercettare imprenditori e commercianti in grado di valorizzare tali prodotti e offrire un buon prezzo di acquisto.La crescita esponenziale del mercato , presenterà a breve termine il conto favorevole delle realizzazioni e dei rendimenti e farà si che catapultino nel mercato nuovi commercianti o “BROKER” che in maniera autonoma proveranno ad accaparrarsi la materia prima , facendo lievitare ulteriormente i prezzi

D: Perché i prezzi dei prodotti derivanti dai bambuseti, (germogli e culmi) come prodotti di punta dovrebbero essere così alti da rendere altamente remunerativa la piantagione di Bambù?
R: attualmente i prezzi internazionali di germogli e culmi sono alti ed avere un prodotto italiano ed europeo, in particolare per il germoglio ma anche per i culmi, sveglierà quella domanda di mercato attualmente dormiente costituita da milioni di consumatori.
Vegani, vegetariani, comunità orientali, ed in fine semplicemente le persone comuni più attente alla salute e rispettose dell’ambiente rappresentano, solo in Europa, una comunità costituita da centinaia di milioni di consumatori pronti ad apprezzare il germoglio alimentare e gli altri prodotti derivanti dal bambù.Dove c’è informazioni c’è richiesta e fino ad oggi nessuno aveva cercato di “svegliare” la conoscenza e il palato :) presentando i notevoli vantaggi che il Bambù Gigante ci offre.

D: Ma per quanto tempo si avranno alte remunerazioni dell’investimento?
R: Per le motivazioni esposte in precedenza siamo convinti che le piantagioni realizzate oggi godranno, per un periodo di almeno 30 anni, di un’alta remunerazione ad ettaro.Una mera stima ( sottostima ) prevede che il BEP (Break Even Point) si ottenga non prima di aver realizzato 500.000 mila ettari di Bambuseti solo in Italia e per il mercato LOCALE

D: Perché proprio 30 anni?
R: Perché realizzare un numero adeguato di piantagioni professionali che soddisfino il fabbisogno europeo di prodotti alimentari e culmi richiede tempo.La riconversione è un processo lento e va adeguato alle necessità oltre che alla cultura locale.Inoltre , il periodo di conoscenza servirà ad aumentare le richieste attuali e di pari passi , l’esigenza dei prossimi anni non esclude che il BP si alzi fino a raggiungere 1 milione di ettari.

wallpapers-bamboo-light-store-136280

 

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Pin It on Pinterest

Shares
Share This